Lezioni di Giapponese

67) La famiglia parte 1

二千二十一年七月十三日

こんにちは!

Dopo i chiarimenti sugli aggettivi, oggi vediamo un po’ di lessico: parliamo della famiglia, ovvero della 家族 kazoku, e vediamo come chiamare tutti i membri.

Partiamo da mamma e papà, che si dicono 母 haha o お母さん okaasan (mamma) e 父 chichi o お父さん otousan (papà).
Ma perché si dicono in due modi?

母 Haha e 父 chichi sono più informali per cui si usano per riferirsi ai propri genitori, mentre お母さん okaasan e お父さん otousan, essendo più cortesi, si usano per i genitori degli altri (ma anche per i propri quando si vuole essere più formali o rispettosi).

よしのさんのお母さんはきれいです。
Yoshinosan no okaasan wa kirei desu.
La mamma di Yoshino è bella.

父はいつもいそがしい。
Chichi wa itsumo isogashii.
Mio papà è sempre impegnato.

Per dire “genitori”, senza specificare madre e padre, si usa la parola 両親 ryoushin.

私の両親はイタリアの北にすんでいます。
Watashi no ryoushin wa Italia no kita ni sundeimasu.
I miei genitori vivono nel nord Italia.

Passiamo ora ai fratelli e alle sorelle. Fratello, ad esempio, si dice 兄 ani o お兄さん oniisan, ma anche 弟 otouto o 弟さん otoutosan. Stavolta invece che due ci sono ben quattro parole, perchè?
Oltre a distinguere se mio o se degli altri, qui c’è un ulteriore distinzione da fare: in giapponese infatti ci sono parole diverse a seconda che il fratello (o la sorella) sia più grande o più piccolo. Vediamo i vari casi.

私の弟はわずらわしい。
Watashi no otouto wa wazurawashii.
Mio fratello minore è fastidioso.

たかひろさんのお姉さんは何歳ですか。
Takahirosan no oneesan wa nansai desu ka?
Quanti anni ha la sorella maggiore di Takahiro?

Di sicuro se leggete manga o guardate anime, avrete sentito non solo i termini sopra, ma anche altri simili. Questo perché quando ci si rivolge al proprio fratello maggiore o alla propria sorella maggiore, si possono chiamare in diversi modi a seconda della formalità o dell’informalità che si vuole usare.

Nota: mentre in Italia chiamiamo fratelli e sorelle per nome, in Giappone è molto più comune chiamarli con le parole nella tabella sopra.

Per dire “fratelli” (sia maschi che misto maschi e femmine), si usa la parola 兄弟 kyoudai, mentre per “sorelle” 姉妹 shimai. Ad esempio:

りゅうのすけとさえこは兄弟です。
Ryuunosuke to Saeko wa kyoudai desu.
Ryuunosuke e Saeko sono fratelli.

Ok, per oggi carne al fuoco ce n’è abbastanza. La prossima volta completiamo l’argomento famiglia vedendo i termini che mancano.

またね!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *