Lezioni di Giapponese

64) Aggettivi: il passato affermativo

二千二十一年六月二十二日

こんにちは!

Oggi torniamo agli aggettivi: dopo aver visto il presente affermativo e negativo, vediamo come si coniugano al passato in frasi affermative.

Gli aggettivi in I

Per trasformare gli aggettivi in I al passato affermativo, basta rimuovere la i finale e aggiungere “katta”. Facciamo un esempio:

高い, takai, costoso/alto
takai -> takai + katta -> takakatta

Vediamo esempi di altri aggettivi in I:

  • kawaii (carino, poverino) -> kawaii + katta -> kawaikatta
  • hiroi (spazioso )-> hiroi + katta -> hirokatta
  • atarashii (nuovo) -> atarashii + katta -> atarashikatta
  • omoshiroi (interessante) -> omoshiroi + katta -> omoshirokatta
  • yasui (economico) -> yasui + katta -> yasukatta
  • nagai (lungo) -> nagai + katta -> nagakatta
  • furui (vecchio, antico) -> furui + katta -> furukatta
  • yasashii (gentile) -> yasashii + katta -> yasashikatta
  • muzukashii (difficile) -> muzukashii + katta -> muzukashikatta
  • mijikai (corto) -> mijikai + katta -> mijikakatta

このシャツは高かったです
Kono shatsu wa takakatta desu.
Questa camicia era costosa.

Come anche per il presente, il desu può essere omesso, senza che il significato della frase cambi: senza il desu è solo un linguaggio più colloquiale.

このシャツは高かった
Kono shatsu wa takakatta.
Questa camicia era costosa.

Attenzione: per gli aggettivi in I va sempre modificato l’aggettivo e non il verbo essere. Non si può dire “Kono shatsu wa takai deshita”, è sbagliato.

Finora abbiamo parlato della funzione predicativa. Consideriamo ora la funzione attributiva.

これは広かったへやです。
Kore wa hirokatta heya desu.
Questa è una stanza che era spaziosa.

L’aggettivo in I trasformato in forma passata si traduce quindi con una frase relativa: “che era spaziosa”. Vedete che i tempi verbali di aggettivo (hiroi) e verbo (desu) sono diversi.

L’eccezione いい

Se vi ricordate, abbiamo già detto che l’aggettivo いい (buono, bene) ha una coniugazione che fa eccezione. A parte il tempo presente affermativo いい, in tutte le altre coniugazioni bisogna ricordarsi che la radice diventa よ. Trasformandolo quindi al passato affermativo si ha よかった.

これでよかったです
Kore de yokatta desu.
Così andava bene.

Ricordo che questa eccezione si applica anche agli aggettivi che al loro interno hanno (e quindi sono composti da) いい, come ad esempio かっこいい kakkoi, che significa “bello, figo”.
Al presente affermativo è かっこいい, mentre al passato, sempre affermativo, diventa quindi かっこよかった.

Gli aggettivi in NA

Come per il presente negativo, gli aggettivi in NA coniugati al passato non cambiano: ciò che cambia è il verbo essere che li accompagna.

Ad esempio

このへやは静かでした。
Kono heya wa shizuka deshita.
Questa stanza era silenziosa.

Questa è la versione cortese. Se vogliamo essere più colloquiali, cioè trasformarla in forma piana (in realtà più assertiva), al posto di “deshita” si mette “datta”.

このへやは静かだった。
Kono heya wa shizuka datta.
Questa stanza era silenziosa.

Per la funzione attributiva si usa solo la forma piana dell’aggettivo. Ad esempio

これはきれいだったドレスです。
Kore wa kirei datta doresu desu.
Questo è un vestito che era bello.

Spero di essere stata chiara, se così non fosse lasciate pure una domanda nei commenti qui sotto.

またね!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *