Lezioni di Giapponese

63) L’abbigliamento

二千二十一年 六月十五日

こんにちは!

Dopo la carrellata sui verbi al passato (lezioni 61 e 62), oggi vediamo un po’ di lessico. Nello specifico vediamo come tradurre vestiti e accessori.

I vestiti

Partiamo dal termine più generico, cioè “i vestiti”. Questo si può tradurre con “fuku”, in kanji 服.

Per dire mettersi, cioè indossare, e togliersi si usano rispettivamente i due verbi 着る kiru e 脱ぐ nugu. Quindi

indossare/mettersi i vestiti = 服を着る = fuku wo kiru
togliersi i vestiti/spogliarsi = 服を脱ぐ = fuku wo nugu

Vediamo ora come tradurre un po’ di termini di abbigliamento.

Sopra

Pensando alla parte superiore del corpo, abbiamo:

  • ティーシャツ t-shirt, maglietta
  • シャツ, shatsu, camicia
  • セータ, seeta, maglione
  • カーディガン, kaadigan, cardigan
  • スエット, suetto, pullover
  • ベスト, besuto, gilet
  • ブレザー, burezaa, blazer (giacca sportiva)
  • 上着, uwagi, giacca
  • ジャケット, jaketto, giaccone
  • ポンチョ, poncho, poncho
  • コート, kooto, cappotto
  • レインコート, reinkooto, impermeabile

Sinceramente non ero sicura della differenza tra maglione, cardigan e pullover (per sono tutti maglioni o al limite maglioncini se più leggeri), per cui ve la riporto: i maglioni possono essere sia cardigan che pullover, semplicemente i cardigan sono aperti davanti o hanno i bottoni, mentre i pullover sono chiusi.

Altro termine utile è il vestito, che si dice un po’ all’inglese, quindi in katakana, doresuドレス (da “dress). Per gli uomini c’è poi il スーツ suutsu, cioè il completo (giacca e pantalone) dall’inglese “suit”.

Vestiti tipicamente giapponesi e quindi non traducibili sono il kimono 着物 e lo yukata 浴衣. Il kimono è un abito tradizionale a più strati, di solito i giapponesi lo usano solo in occasioni molto particolari (anche perché costano un occhio). Più diffuso è invece lo yukata: è una versione più leggera ed economica del kimono, indossato dalle ragazze soprattutto in occasione dei matsuri (feste tradizionali con spettacoli, parate e bancarelle).

Sotto

Passiamo alla parte inferiore del corpo. Qui i termini sono meno e sono:

  • ズボン, zubon, pantaloni
  • 半ズボン, hanzubon, pantaloncini
  • ジーンズ, jiinzu, jeans
  • スカート, sukaato, gonna

Notate che i pantaloncini sono letteralmente mezzi pantaloni (半, han, metà).

La biancheria

La biancheria intima in giapponese si dice 下着 shitagi, cioè “i vestiti che stanno sotto”. Se vi ricordate avevamo già visto il kanji nella lezione 35, parlando di posizioni (sopra sotto, davanti e dietro). 着 è invece lo stesso kanji di 着る kiru, indossare, visto prima. I vocaboli per la biancheria intima sono:

  • ブラジャー, buraaja, reggiseno
  • パンツ, pantsu, mutande (generico, sia maschili che femminili)
  • ブリーフ, buriifu, slip (maschili)
  • ボクサーパンツ, bokusaa pantsu, boxer (maschili)
  • ショーツ shootsu, mutandine (femminili)

Metto in questa categoria anche il costume da bagno, che si dice 水着 mizugi (vestito per l’acqua). Per il due pezzi c’è anche la parola ビキニ, bikini.

Scarpe e calze

Le scarpe in generale si dicono 靴 kutsu.

  • ブーツ buutsu, stivali
  • スニカー sunikaa, sneakers
  • ハイヒールhaihiiru, tacchi
  • サンダル sandaru, sandali
  • ビーチサンダル biichi sandaru, infradito (sandalo da spiaggia)

Poi abbiamo i calzini, che si dicono 靴下 kutsushita (letteralmente “sotto le scarpe”). I collant invece si traducono come パンティーストッキング pantii sutokkingu.

A casa

Come abbigliamento da casa abbiamo:

  • パジャマ, pajama, pigiama
  • スリッパ, surippa, pantofole/ciabatte
  • 部屋着, heyagi, vestiti da casa (letteralmente da stanza)
  • ローブ, roobu, accappatoio

Accessori

Concludiamo con gli accessori.

  • ネックレス nekkuresu, collana
  • イヤリング iyaringu, orecchini
  • 指輪 yubiwa / リング ringu, anello
  • 腕輪 udewa, bracciale
  • ブレスレット buresuretto, braccialetto
  • ベルト beruto, cintura
  • ヌクタイ nekutai, cravatta
  • チョウネクタイchounekutai, papillon
  • 帽子 boushi, cappello
  • マフラー mafura / スカーフ sukaafu, sciarpa
  • 手袋 tebukuro, guanti
  • 腕時計 udedokei, orologio da polso
  • 眼鏡 megane, occhiali da vista
  • サングラス sangurasu, occhiali da sole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *