Lezioni di Giapponese

84) Gli avverbi

二千二十一年十一月二十三日

こんにちは!

Oggi parliamo di avverbi, cioè quelle parole che in italiano sono invariabili e aggiungono significato a un verbo, a un aggettivo o ad un altro avverbio. Gli avverbi sono ad esempio “velocemente”, “molto”, “spesso”, ecc.

Gli avverbi dagli aggettivi

Gli avverbi si creano a partire dagli aggettivi. La regola è abbastanza semplice:

  • per gli aggettivi in I, si toglie la I finale e si aggiunge ku

ad esempio 速い hayai -> 速 haya -> 速くhayaku
se 速い hayai vuol dire veloce 速く è “velocemente”

  • per gli aggettivi in NA, si aggiunge ni all’aggettivo

ad esempio shizuka -> shizuka ni
静か tranquillo -> 静かに tranquillamente

あの子供はうるさく話しています。
Ano kodomo wa urusaku hanashite imasu.
Quei bambini stanno parlando rumorosamente.

I sostantivi dagli aggettivi

Qui apro una piccola parentesi: se a partire dagli aggettivi si possono creare gli avverbi, in alcuni casi si può anche passare al sostantivo corrispondente togliendo la い finale e aggiungendo -さ all’aggettivo.

弱い yowai, debole -> 弱さ yowasa, debolezza
高い takai, alto -> 高さ takasa, altezza
強い tsuyoi, forte -> 強さ tsuyosa, forza

Questo meccanismo funziona sempre per gli aggettivi in I, mentre con quelli in NA vale solo in alcuni casi.

便利 benri, conveniente -> 便利さ benrisa, convenienza

Naru + avverbio

In italiano usiamo spesso la costruzione “diventare + aggettivo”, ad esempio quando non vediamo da tempo un bambino e per dire che è cresciuto diciamo “sei diventato grande”.

In giapponese questa costruzione non si rende con gli aggettivi, bensì con gli avverbi. Il verbo diventare è なる, quindi si avrà “naru + avverbio”.

Prendiamo quindi l’aggettivo grande 大きい, lo trasformiamo in avverbio 大きく e coniughiamo なる al tempo verbale che vogliamo.

大きくなりました。
Ookiku narimashita.
È diventato grande.

Gli avverbi di frequenza

Gli avverbi di frequenza sono usati tantissimo nella conversazione quotidiana, perchè vanno a indicare ogni quanto si fa una determinata azione. Vediamo i principali.

Uno in realtà lo abbiamo già citato nella lezione 56: いつも, cioè “sempre”.

  • いつも, itsumo, sempre
  • たいてい, taitei, di solito/generalmente
  • よく, yoku, spesso
  • ときどき, tokidoki, a volte
  • あまり, amari, raramente/non molto
  • ぜんぜん, zenzen, per niente

Attenzione che あまり e ぜんぜん vogliono sempre il verbo al negativo.

たいていよるべんきょうします。ときどきあさします。
Taitei yoru benkyou shimasu. Tokidoki asa shimasu.
Di solito studio la sera. A volte al mattino.

このラーメンはぜんぜんおいしくない。
Kono raamen wa zenzen oshikunai.
Questo ramen non è per niente buono.

あまり大きくありません。
Amari ookiku arimasen.
Non è molto grande.

またね!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *